La nostra idea di impresa e i valori in cui crediamo ci spingono a mettere in campo ogni giorno atteggiamenti e comportamenti concreti che possano rendere l'ambiente in cui viviamo un posto migliore.
Questo per noi significa da una parte compiere scelte volte ad abbattere l'impatto ambientale della nostra attività. Dall'altra sostenere iniziative e soggetti che promuovano la protezione di categorie sociali più disagiate. 

 In questo senso abbiamo deciso di:
  • far parte dell’Excellence Club, un’iniziativa che mette assieme l’impegno di alcune aziende per un progetto comune promosso e coordinato dal World Food Programme.
  • utilizzare nei menu alternativi esclusivamente prodotti 100% biologici
  • cooperare con IFAT, l’Associazione Internazionale per un Equo Mercato, la rete globale delle Organizzazioni di Equo Commercio
  • impiegare prodotti del Consorzio Ctm Altromercato, una delle organizzazioni più affermate tra coloro che aderiscono a IFAT
  • diventare partner del progetto Siticibo, che nasce dalla collaborazione tra la Fondazione Banco Alimentare ONLUS e Cecilia Canepa - promotori della Legge del Buon Samaritano - e Bianca Massarelli. Il progetto rappresenta la prima sperimentazione italiana della Legge del Buon Samaritano e prevede il recupero di cibo cotto e fresco dalla ristorazione organizzata, per destinarlo a chi ne ha bisogno per vivere
  • destinare le derrate e i pasti consumati solo in parte al centro di raccolta delle associazioni Animal Welfare Onlus e AZALEA Zampa Libera - due associazioni di volontariato che si occupano della protezione degli animali - e alla società LEM, specializzata nel recupero e nel trasporto degli scarti animali ed ittici da destinare al compostaggio.
Responsabilità sociale